L'Episcopio (da Ovest)
Pubblicato il programma dell'Estate Culturale e Ricrativa di Sant'Andrea di Conza +++ Ludoteca Estiva per bambini tra i 4 e gli 11 anni presso l'ex Asilo delle Suore degli Angeli +++ Restituito alla proprietaria l'orecchino smarrito. +++ Aperte le iscrizioni al Centro di Prima Infanzia +++ Il menu è stato rinnovato: inserita anche una pagina di suggerimenti per la navigazione. +++ Occhio al riquadro degli ultimi inserimenti: non tutti sono in primo piano. +++ Eccezionale video del maestro Luigi Bellino su You Tube +++ La fortuna non è un dispositivo di sicurezza! Rivolgiti al Dott. Marcello Iannella. +++ Vedi il Calendario Eventi. Trovi tutte le manifestazioni previste +++ ... nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche ... esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro ... [Zygmunt Bauman (L'Espresso, n. 45/2016)] +++ ... non odiare nulla eccetto l'odio ... (It's alright, Ma ...) * Robert Allen Zimmerman (Bob Dylan) +++ Inserita la pagina del pro Vicario Giorgio tra quelle dei santandreani ... da ricordare +++ Sono graditi commenti e segnalazioni +++ email: [email protected]

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

... "a lu cumende"

Da "il Seminario" n. 1/2017

L’avvento dello sviluppo economico degli ultimi 50 anni ci ha dato molti servizi e opportunità, ma ha anche “sepolto” una serie di tradizioni legate alla vecchia vita ...

"Lu cumende" di Sant'Andrea di Conza

... quotidiana, sconosciute a noi giovani e rimaste solo nel ricordo degli anziani del paese.

Alcune di queste tradizioni erano legate anche al modo di lavare gli indumenti: quando le lavatrici ancora non erano arrivate da queste parti, il lavatoio del paese, “Lu Cumendo”, era importante quanto la piazza principale. Ad ogni ora del giorno vi si trovava sempre qualcuna intenta a pulire i propri indumenti. Anche il sapone era diverso: prima si usava uno ricavato dal grasso di maiale.

A parte la vita di tutti i giorni, era tuttavia nelle occasioni speciali che venivano sempre rispettate le tradizioni, in particolar modo in occasione di un matrimonio. Era usanza andare a casa della sposa e contare tutte le lenzuola, i servizi da tavola, gli strofinacci, gli asciugamani, le camicie da notte, le coperte e tutto ciò che faceva parte del corredo, messo pazientemente da parte dai genitori, per poi lavarlo sempre a “Lu Cumendo”.

"Lu cumende" di Sant'Andrea di Conza negli anni '50 - '60 (pubblicata su FB da Luigi Cignarella)

Caratteristico era quindi vedere tutte le lavandaie che trasportavano il corredo, in conche portate sul capo, in una casa dove eseguivano “la rëssiä”. In alcune caldaie si bolliva l’acqua con della cenere della legna e si ponevano i panni in alcuni tinelli di legno coperti da un vecchio lenzuolo, quindi si versava l’acqua bollita nei tinelli per ammorbidire il tutto. Il giorno dopo, si portava il corredo al lavatoio per sciacquarlo accuratamente e stenderlo sulle corde sistemate al di fuori della struttura. Durante questi due giorni, le lavandaie consumavano all’aperto il pranzo preparato e trasportato nei canestri dalla mamma della sposa. Il terzo giorno, le lavandaie riportavano tutto il corredo lavato a casa della sposa, che i genitori controllavano attentamente, per poi consegnarlo alle donne addette alla stiratura. Così, dopo tre giorni di lavoro, si brindava tutti insieme e la madre della sposa ringraziava e pagava le lavandaie.

Si ringrazia Gerardina Piccininno per le preziose informazioni.

Gianluigi Cignarella


A questo bellissimo articolo riteniamo utile aggiungere alcuna altre considerazioni.


Innanzitutto riteniamo doveroso sottolineare quanto fosse faticoso e pernicioso il lavoro delle lavandaie con conseguenze deleterie per la salute specialmente di quelle donne che lo facevano per mestiere.

È bene aggiungere anche che, a parte quelle benestanti che si servivano appunto delle lavandaie, un po' tutte le donne andavano "a lu cumende" per lavare i panni di casa.

Il trasporto dei "panni", ben pesanti quando lavati e ancora bagnati, si faceva con una "conca" di rame collocata in testa su una "spara" costituita da una tovaglia avvolta a salsicciotto e poi disposta ad anello.

Il corredo delle spose, dopo la citata stiratura fatta a mestiere da altre donne "specializzate", veniva "esposto" per mostrare a tutti il "tesoro" che esse avrebbero portato in dote allo sposo. Tale "esposizione" tendeva, in verità, oltre che compiacere la famiglia dello sposo anche a suscitare la meraviglia, se non l'invidia, della gente specialmente per quanto riguardava i ricami che arricchivano "li panni", frutto dell'impegno profuso dalla stessa sposa durante la sua giovinezza e magari di altre ricamatrici.

Insomma ... un altro mondo.

P. S. - In verità oggi c'è ancora qualche donna che va "a lu cumende a lavà li panne" perché indubbiamente ottiene risultati eccellenti e di maggiore soddisfazione. Ma si può dire che veramente si tratta solo di qualche "mosca bianca".


  Se ti interessa ...

  • far rivivere un vecchio computer;
  • costruire un sito Web;
  • creare un negozio virtuale sul Web;

... rivolgiti a noi!

Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999

 Contattaci

  • mail [email protected]
  • map Siamo a Sant'Andrea di Conza (AV)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Ok! Sono consapevole.

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del browser.