L'Episcopio (da Ovest)
Pubblicato il programma dell'Estate Culturale e Ricrativa di Sant'Andrea di Conza +++ Ludoteca Estiva per bambini tra i 4 e gli 11 anni presso l'ex Asilo delle Suore degli Angeli +++ Restituito alla proprietaria l'orecchino smarrito. +++ Aperte le iscrizioni al Centro di Prima Infanzia +++ Il menu è stato rinnovato: inserita anche una pagina di suggerimenti per la navigazione. +++ Occhio al riquadro degli ultimi inserimenti: non tutti sono in primo piano. +++ Eccezionale video del maestro Luigi Bellino su You Tube +++ La fortuna non è un dispositivo di sicurezza! Rivolgiti al Dott. Marcello Iannella. +++ Vedi il Calendario Eventi. Trovi tutte le manifestazioni previste +++ ... nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche ... esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro ... [Zygmunt Bauman (L'Espresso, n. 45/2016)] +++ ... non odiare nulla eccetto l'odio ... (It's alright, Ma ...) * Robert Allen Zimmerman (Bob Dylan) +++ Inserita la pagina del pro Vicario Giorgio tra quelle dei santandreani ... da ricordare +++ Sono graditi commenti e segnalazioni +++ email: [email protected]

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Riteniamo interessante proporre questo articolo, tratto da "la fonte" n. 6/1983-1984, perché espone uno dei pochissimi episodi in cui il paese, ma soprattutto le sue donne, hanno mostrato un certo carattere.

STORIA LOCALE: VITA - FATTI - PERSONAGGI

La rivolta dell’acqua

Tutti in paese ricordano un episodio molto strano avvenuto ...

Tombino dell'Alto Calore

... nel 1967: una sommossa popolare, dovuta, secondo me, a giusta rivendicazione da parte della popolazione santandreana. Come è stato tante volte detto, l’unica ricchezza del nostro paese è l’acqua, la bella acqua della Fonte che arriva in tutte le nostre case e che è nota nei dintorni per la sua freschezza e limpidezza. Tuttavia il nostro acquedotto non è gestito "in loco", bensì dal Consorzio Idrico dell’Alto Calore, grazie ad un contratto stipulato con la nostra Amministrazione Comunale il 1957.

Da allora non siamo più padroni della nostra acqua, in quanto dobbiamo pagarne il consumo, e, nonostante l’abbondanza, dobbiamo risparmiare acqua, se non vogliamo ricevere una bolletta salata.

Il 1976(*) l’Alto Calore raddoppiò il canone. Quando arrivarono le bollette del primo trimestre, la popolazione rimase molto male. Se la prese con le autorità locali e unanimemente si rifiutò di pagare il canone. Così per più di un anno nessuno pagò e ognuno consumava, come mai prima, acqua a soddisfazione, a dispetto dell’Alto Calore, che si vedeva restituire puntualmente le bollette. Non valsero i ripetuti inviti a pagare, per cui il Consorzio Idrico decise di prendere provvedimenti, inviando in paese le forze dell’ordine della tenenza di S. Angelo dei Lombardi, perché staccassero l’acqua. Non si sa come, alcuni santandreani furono preavvertiti di questo arrivo e diedero l’allarme. In breve tempo corsero in piazza centinaia di persone da ogni rione; molti erano armati di pali, di sassi e di arnesi vari, tutti decisi a dare una lezione ai carabinieri.

Tutti i tombini dell’acquedotto furono occupati e ben difesi e a nulla valse il tentativo dei militi di soffocare la rivolta. Con i miei amici ho intervistato una delle protagoniste di questo tafferuglio, la signora Teresa, la quale, a distanza di tanti anni è ancora infervorata e, secondo me, comincerebbe daccapo, visto che l’Alto Calore continua ad aumentare il canone.

Alla fine i carabinieri rinunciarono all’"Impresa" e, stanchi ed umiliati, presero la via del ritorno, con grande soddisfazione della cittadinanza. Da premettere che a capo della rivolta erano soprattutto le donne, che ci tenevano a non far compromettere i loro uomini, onde evitare guai.

Si formò una processione verso il municipio, dove tutti protestarono contro il sindaco e ne chiesero l’intervento. Questi cercò di calmare la popolazione e telefonò al Prefetto di Avellino, pregandolo di intervenire, affinché venisse ripristinato il vecchio canone. Il Prefetto ci venne incontro e così il Consiglio di Amministrazione dell’Alto Calore cedette, ammirando, nonostante tutto, il coraggio delle nostre donne, che ancora ne vanno orgogliose.

Dopo di che, tornò la calma in paese. Tra i "rivoltosi" c’era un vecchietto, "Zi Vito", che aveva partecipato alla sommossa con particolare accanimento. Egli tornava a casa soddisfatto, lanciando ancora improperi contro i carabinieri. Portava un grosso palo e si mostrava pronto a ricominciare se fossero tornati. Però non aveva alcun interesse, in quanto il poveretto viveva in campagna, dove certamente non aveva l’acqua in casa, né aveva capito la ragione della rivolta. Infatti a chi gli chiese cosa fosse successo egli raccontò con molto fervore l’episodio, ma, quando gli chiesero il perché di tutto, egli con una scrollatina di spalle ed in modo molto originale e divertente rispose. "Boh!".

Al lettore le sue considerazioni...

Vallario Giuseppe, 3a A


N. B. - Evidentemente si tratta di un refuso tipografico. I fatti avvennero nel 1967.


Aggiungi commento

La lunghezza massima dei commenti è impostata a 2000 caratteri (verificabili, mentre scrivi, con il contatore posto sotto l'area di testo). Per commenti più lunghi si consiglia di scriverli in un file da allegare ad una email ([email protected]).


Codice di sicurezza
Aggiorna

  Se ti interessa ...

  • far rivivere un vecchio computer;
  • costruire un sito Web;
  • creare un negozio virtuale sul Web;

... rivolgiti a noi!

Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999

 Contattaci

  • mail [email protected]
  • map Siamo a Sant'Andrea di Conza (AV)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Ok! Sono consapevole.

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del browser.