L'Episcopio (da Ovest)
Restituito alla proprietaria l'orecchino smarrito. +++ Aperte le iscrizioni al Centro di Prima Infanzia +++ Il menu è stato rinnovato: inserita anche una pagina di suggerimenti per la navigazione. +++ Occhio al riquadro degli ultimi inserimenti: non tutti sono in primo piano. +++ Eccezionale video del maestro Luigi Bellino su You Tube +++ La fortuna non è un dispositivo di sicurezza! Rivolgiti al Dott. Marcello Iannella. +++ Vedi il Calendario Eventi. Trovi tutte le manifestazioni previste +++ ... nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche ... esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro ... [Zygmunt Bauman (L'Espresso, n. 45/2016)] +++ ... non odiare nulla eccetto l'odio ... (It's alright, Ma ...) * Robert Allen Zimmerman (Bob Dylan) +++ Inserita la pagina del pro Vicario Giorgio tra quelle dei santandreani ... da ricordare +++ Sono graditi commenti e segnalazioni +++ email: [email protected]

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

... a Sant'Andrea (e non solo)

Riceviamo, da Maria Antonietta Santorsola, e volentieri pubblichiamo questo bellissimo e approfondito articolo.

Un po’ di storia...

Centro tavola
Merletti

Merletti, ricami, lavoro a telaio, all’uncinetto, la maglia, il tombolo sono quasi sconosciuti alle giovani generazioni, a meno che, non abbiano avuto in casa, in famiglia delle nonne o madri che si erano applicate a quei lavori nella vita.
In tempi non troppo lontani era usanza, qui a Sant’Andrea e come in tanti altri paesi d’Italia, preparare “il corredo” alle figlie: un set completo di biancheria (lenzuola, tovaglie, asciugamani, biancheria per la casa) da utilizzare dopo il ...

Merletti

... matrimonio.
Ogni famiglia aveva almeno una donna che imparava, sin da piccola, la difficile quanto paziente arte del ricamo e dell’uncinetto. Una vera e propria arte che veniva portata avanti con orgoglio. Fino a qualche decennio fa era molto facile osservare donne che, nelle lunghe sere invernali, sedute accanto al camino acceso, con mani abili ed infinita pazienza, cucivano e ricamavano lenzuola, coperte, teli da bagno e canovacci, producendo piccoli capolavori dal valore inestimabile. Soprattutto d’estate si era solite sedersi sull’uscio di casa, tutte intente a lavorare una maglia con i ferretti o all’uncinetto, un centrotavola a punto croce o bordure diverse per lenzuola o asciugamani.

Merletti

A portare avanti questo compito era la madre della futura sposa, che cominciava ad acquistare il corredo fin da quando la figlia era bambina, per non trovarsi impreparata, quando sarebbe venuto il momento del matrimonio. A volte la madre induceva la stessa figlia, ancora ragazzina, a preparare il proprio corredo, che a poco a poco si accumulava nel corso degli anni, fino ad assumere un certo valore.

Merletti

Circa un mese prima del matrimonio il corredo veniva lavato e stirato e messo in esposizione nella casa della sposa. L’attività di finire, lavare e stirare il corredo coinvolgeva un gran numero di donne reperite tra parenti e vicine di casa, senza dimenticare che molte di quest’ultime venivano persino pagate a giornata.

Merletti

Si respirava un’aria di festa e non mancavano piccoli scherzi e battute salaci da parte delle più anziane. Agli uomini non era negata la possibilità di assistere alla preparazione del corredo, ma il più delle volte il loro aiuto era richiesto solo per montare “i tavoli” su cui si esponeva. Parenti, amici e familiari soprattutto dello sposo venivano, infine, invitati ad ammirare le caratteristiche del corredo, affinché la famiglia potesse fare sfoggio della sua elargizione.

Particolare

Questa era anche l’occasione per portare il regalo o fare gli auguri. A seguire non mancavano mai i commenti.
Il corredo, oltre ad essere un obbligo per la sposa, era considerato un elemento fondamentale per presentarsi bene ai nuovi parenti e a tutta la comunità. In realtà formava parte della “dote”.

Particolare

Non era soltanto un fatto individuale e, ovviamente, di prestigio della famiglia (il corredo era esibito pubblicamente prima del matrimonio), ma era vissuto dalla collettività come garanzia sociale.
Tutto veniva, comunque, preparato secondo le condizioni economiche della famiglia della sposa.

Merletti

Questa tradizione è continuata fino alla prima metà del XX secolo. Con il passare del tempo, il corredo ha finito per assottigliarsi, perdendo così anche la sua caratteristica di funzione sociale.
Oggi la maggior parte delle donne non crescono apprendendo le abilità di cucito, che erano così importanti nelle generazioni precedenti, una volta c’era anche maggiore attaccamento alle tradizioni, così il corredo per la casa si acquista quando l’immobile è pronto, in modo da sceglierlo in accordo con gli arredi.

Merletti
Merletti

Si ha un concetto moderno di “corredo”: si trasforma in una serie di capi pratici, qualitativamente buoni, coordinati tra loro e con il resto dell’ambiente che dovranno contribuire ad arredare. Per quanto riguarda gli indumenti intimi e vestiti, sono influenzati dai dettami della moda.
Molte di noi hanno, però, potuto apprendere, sin da piccole, le tecniche sia di ricamo che dell’uncinetto, saperi e trucchi del mestiere che ci sono state tramandate dalle nonne o madri più esperte.
A parte il ricamo, per il quale lascio il racconto a chi di competenza, vediamo come è giunto a noi l’arte dell’uncinetto.
Alcuni affermano che la sua origine risale alle tecniche preistoriche d’intreccio delle reti da pesca. Altri riferiscono la sua nascita ad una leggenda che arriva dalla Germania: in un piccolo paese tedesco viveva una donna molto brava a creare. Durante una nevicata un fiocco di neve si posò sul davanzale della sua finestra e lei rimase così colpita della forma e della perfezione che per provare a imitare il disegno prese un grosso ago ricurvo e un filo bianco.

Centro

In realtà questo lo racconta la leggenda, ma per quel che riguarda la tecnica del lavoro ad uncinetto è antichissima ed è per questo molto difficile risalire alle origini.

Merletti

Si suppone che i primi lavori di questo tipo siano stati fatti con la mano, o meglio con un dito, che veniva piegato per creare i cappi e riprendere i punti. Solo con il passare del tempo si iniziò a sviluppare uno strumento simile all’uncinetto, realizzato inizialmente in legno, osso o bambù e poi in avorio e ambra.
Il reperto più antico che può essere considerato un precursore dei lavori all’uncinetto proviene dal lontano Jutland: si tratta di una sorta di berretto di lana, che secondo gli scienziati risale all’incirca a 3100 anni fa. Anche in altri luoghi le tecniche dell’uncinetto non erano sconosciute. Da documenti provenienti dal Sudamerica risulta per esempio che in alcune tribù primitive venivano utilizzati capi di abbigliamento o protezioni per il corpo all’uncinetto in occasione dei riti di iniziazione alla pubertà.

Particolare
Merletti

Mary Thomas, una studiosa americana, ritiene che le tecniche dell’uncinetto provengano originariamente dalla penisola araba, dalla quale si sarebbero diffuse verso oriente in Tibet e verso occidente in Spagna. Grazie ai mercanti e ai navigatori, tali tecniche si diffusero poi anche in altri parti del mondo. Dal XIII al XIX secolo il lavoro all’uncinetto era considerata un’occupazione tipica delle monache. Nei monasteri la biancheria per l’altare e per la casa veniva munita di semplici bordure all’uncinetto, non solo a fini decorativi, bensì essenzialmente per renderla più resistente. L’arte dell’uncinetto si iniziò ad apprezzare solo molto tardi negli ambienti borghesi e nobili.
All’inizio questa tecnica di lavoro manuale non era neppure considerata un genere di per sé, bensì come un mezzo per imitare difficili punti del ricamo. Tramite questa tecnica si lavoravano righe di punti catenella fissate sulla stoffa che imitavano i punti catenella del ricamo. Tali righe venivano lavorate fittamente le une accanto alle altre secondo diversi motivi ed imitavano in maniera sorprendente i ricami la cui realizzazione richiedeva molto più tempo e lavoro. I maestri in questo campo erano gli irlandesi, che in questo modo imitavano i preziosi pizzi veneziani.

Merletti
Merletti

Su questa base in Irlanda si sviluppò una vera e propria industria manifatturiera, che dopo la carestia del 1848 costituiva l’unico supporto economico del poverissimo paese. Lentamente andò sviluppandosi questo pizzo all’uncinetto che imitava il pizzo ad ago, che prese il nome di “pizzo d’Irlanda”. Esso si compone di motivi fantasiosi di fiori e foglie, di anelli, roselline o figure a stella, che vengono collegati tra di loro tramite il punto di fondo.
In Europa la sua larga diffusione ha inizio, come già detto, nel XVI secolo quando si cominciò ad abbellire gli arredi delle chiese. La tecnica del lavoro all’uncinetto passò poi alle donne di casa che capirono la necessità di abbellire anche dentro le pareti domestiche, non soltanto per creare tende o bordi di lenzuola per i corredi o centrotavola ma anche per confezionare abiti, scialli, berretti sia con la lana che con il cotone che con qualsiasi filato che lo permettesse.

Merletti
Merletti

Come è cominciato qui a Sant’Andrea il lavoro all’uncinetto non si hanno dati certi. Sicuramente, per molte di noi, oggi è divenuto un hobby rilassante, creativo che permette di realizzare con le proprie mani vere e fantastiche opere d’arte e soprattutto rendere unici capi già confezionati.

Maria Antonietta Santorsola


N. B. - Nelle immagini sono riportati alcuni lavori dell'autrice.


Commenti   

0 # ines 2017-06-13 17:09
salve io ho bisogno bordura all'uncinetto per asciugamano li vendete ines
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

La lunghezza massima dei commenti è impostata a 2000 caratteri (verificabili, mentre scrivi, con il contatore posto sotto l'area di testo). Per commenti più lunghi si consiglia di scriverli in un file da allegare ad una email ([email protected]).


Codice di sicurezza
Aggiorna

  Se ti interessa ...

  • far rivivere un vecchio computer;
  • costruire un sito Web;
  • creare un negozio virtuale sul Web;

... rivolgiti a noi!

Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999

 Contattaci

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Ok! Sono consapevole.

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del browser.