L'Episcopio (da Ovest)
Restituito alla proprietaria l'orecchino smarrito. +++ Aperte le iscrizioni al Centro di Prima Infanzia +++ Il menu è stato rinnovato: inserita anche una pagina di suggerimenti per la navigazione. +++ Occhio al riquadro degli ultimi inserimenti: non tutti sono in primo piano. +++ Eccezionale video del maestro Luigi Bellino su You Tube +++ La fortuna non è un dispositivo di sicurezza! Rivolgiti al Dott. Marcello Iannella. +++ Vedi il Calendario Eventi. Trovi tutte le manifestazioni previste +++ ... nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche ... esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro ... [Zygmunt Bauman (L'Espresso, n. 45/2016)] +++ ... non odiare nulla eccetto l'odio ... (It's alright, Ma ...) * Robert Allen Zimmerman (Bob Dylan) +++ Inserita la pagina del pro Vicario Giorgio tra quelle dei santandreani ... da ricordare +++ Sono graditi commenti e segnalazioni +++ email: [email protected]

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

... agosto 2017

Riceviamo e volentieri pubblichiamo ...

  • Uèh Andrea! da quanto tempo, che piacere! anche se ogni volta che ti rivedo te ne esci con la lagna. Pure stavolta? ... sì, pure stavolta: la tua faccia rossa, concitata, e non credo solo per il caldo, la dice lunga.

(continua)

Sant'Andrea e San Pietro
  • Pietro! anche per me è un grandissimo piacere incontrarti. Vorrei che avvenisse più spesso e senza lagne da parte mia, ma ho sempre il timore di scocciarti. Specialmente in questa occasione, mai avrei voluto importunarti, indaffarato come sei a seguire e confortare i propositi del tuo ultimo successore, del nostro caro Francesco. Ma la cosa che mi ha spinto a farlo è grave, anzi gravissima!
  • Andrea, intuisco, sei tutto agitato, più del solito, non ti ho mai visto in questo stato.
  • Caro Pietro, mo’ che ti riferisco del perché di tutta questa mia ansia, ti assicuro, entri in agitazione anche tu. Dunque devi sapere che Michele ...
  • ... Michele?, e quello sta benissimo, recita come sempre che è una meraviglia, irrora l’ugola quando e come vuole lui con la solita signorilità, l’altra sera l’ho persino sentito cantare in piazza tutto intonato ...
  • o Pietro! ma tu che hai capito? sto parlando di Michele nostro, del difensore della nostra fede, dello stratega dell’esercito di nostro Signore, di San Michele Arcangelo.
  • Ah! Embe’!
  • Embè? mò senti. Io l’ho incontrato spesso, per motivi, diciamo così, di rappresentanza. Tu sai, io sono patrono del paese, ma senza una chiesa a me dedicata, visto che la parrocchia è intitolata a San Domenico; lui, Michele, la chiesa dedicata ce l’ha, ma l’hanno chiusa a chiave e manco lo fanno entrare. Vuoi che non ci incontrassimo per fare qualche commento? Io, comunque, nel tempo, sono andato rassegnandomi, bene o male la festa me la dedicano ogni anno e qualche nascituro sporadicamente ancora lo chiamano Andrea. Ma lui? Michele Arcangelo, come poteva o può rassegnarsi, lui? A ogni incontro l’ho visto sempre più scuro in volto, depresso?, sì, depresso, se è consentito definire depresso non uno qualsiasi, ma un santo della sua portata. Questa volta però, quest’ultima volta mi è apparso proprio, scusami l’espressione, proprio incazzato.
  • Andreeea!! ti perdono la volgarità solo perché comprendo la tua preoccupazione e comprendo il disappunto di Michele. Ma ormai ...
  • Ma ormai che? tu non hai idea di quello che sta passando. Te la apro io la mente, Pietro mio, prima che ti distrai con le chiavi che porti appese alla cintura. Quello, Michele, San Michele, in paradiso non gira più liberamente in alta uniforme: per non farsi riconoscere. Hai presente i D’Angola, i Sessa, i Giorgio, i Vallario, i Cappetta, i Frino, i ...? insomma tutti gli artigiani che hanno lavorato di fino per edificare la più bella chiesa neoclassica della provincia di Avellino. Li hai accolti proprio tu in paradiso, malgrado peccati e peccatucci vari, per il merito acquisito e indiscusso. A che pro? per vedere la chiesa sprangata e ignorata? di conseguenza essi se la prendono con l’intestatario, con San Michele. Quando lo intercettano, scoprendone l’identità, gli chiedono conto della situazione e spesso anche in malo modo, addirittura offendendolo. Infatti, l’ultima volta che l’ho visto, riconoscendolo a stento, mi ha parlato di un incontro drammatico, sì, drammatico in paradiso, con una rappresentanza di questi artigiani beati. Mi ha detto: “Andrea, non ne posso più, mi inseguono, mi tartassano, mi rinfacciano le mie responsabilità, addirittura mi offendono. Che santo sei? - mi dicono - santi seri sono San Gino, San Fausto, San Felice, San Vittorio, Santo Eddy, tutti santi protettori, a quanto pare, di ciclisti vivi e morti. Vedi quante biciclette e catorci hanno disseminato in paese in loro onore?. I cani, per marcare il territorio, urinano. Le biciclette? urine ciclistiche! E tu? – continuando a infierire - tu hai la chiesa, l’opera architettonica più significativa del circondario e manco riesci a farla aprire! Meriti solo di fare da etichetta alle bottiglie di acqua minerale di Monticchio. Pietro, hai capito a che punto siamo? ma non è finita! perché ha continuato: “Andrea, lo vedi questo spadone? di draghi non ce ne sono più, se non nei film o nei video giochi; ai peccati, specialmente di ignoranza e d’arroganza, nessuno fa più caso, chissà perché, e dunque ‘sto spadone? due le alternative: o mi do alla caccia al cinghiale lungo la valle dell’Ofanto, da Conza a Monteverde; oppure: oppure sai quante piattonate con lo spadone, arroventato per l’uso, nelle terga sedentarie di chi so io? Pietro, è solo quello che ricordo, ma credo sufficiente a farmi precipitare a riferirlo a te.
  • Andrea, come al solito devo darti ragione, ma non ti preoccupare, con Michele Arcangelo ci parlo io e cerco di calmarlo, di confortarlo. Per l’apertura della chiesa, invece, io credo che l’unica alternativa sarebbe, anzi no, l’unica alternativa è quella di fare riferimento direttamente a Francesco, a Papa Francesco, anche se pure lui stenterebbe a credere che, a trentasette anni dal terremoto dell’Irpinia, alla intera comunità di Sant’Andrea di Conza, fiera dei propri progenitori artigiani, ancora viene interdetta la fruizione artistica e sacrale della chiesa restaurata come un gioiello. Vai dunque in paese, goditi con serenità la tua prossima festa e più che allo spadone stai attento ai “fauciuni”, perché quelli a maneggiarli, ci vuole sudore ed esperienza.

Agosto 2017

Fernando G. Basile


Anche un non meglio definito "Paolo" ha inviato un commento su questa pagina col solo intento di denigrare l'autore. Evidentemente infastidito dalle provocazioni e dalle allusioni contenute nel racconto intendeva a sua volta provocare una reazione ma non ha avuto il coraggio di farlo apertamente. Ritenendo che i commenti anonimi non meritino spazio su questo sito non lo abbiamo pubblicato, e faremo lo stesso per tutti gli altri che perverranno.

Commenti   

0 # Domenico 2017-09-01 17:29
I racconti di Fernando mi sono sempre piaciuti, ma questo va "oltre", è poco racconto!
Quanto sei bravo Fernando a magnificare i nostri beati artigiani, essi forse potranno fare più di noi.
E già, Fernando, noi siamo in altre faccende affaccendati.
Saluti Domenico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Leo Schiavone 2017-09-02 18:15
Incredibilmente perfetta e bellissima. Bravissimo Fernando.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

La lunghezza massima dei commenti è impostata a 2000 caratteri (verificabili, mentre scrivi, con il contatore posto sotto l'area di testo). Per commenti più lunghi si consiglia di scriverli in un file da allegare ad una email ([email protected]).


Codice di sicurezza
Aggiorna

  Se ti interessa ...

  • far rivivere un vecchio computer;
  • costruire un sito Web;
  • creare un negozio virtuale sul Web;

... rivolgiti a noi!

Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999

 Contattaci

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Ok! Sono consapevole.

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del browser.