L'Episcopio (da Ovest)
Nuovi contenuti sul nuovo sito dedicato a Sant'Andrea di Conza +++ I video della Settimana Santa a Sant'Andrea di Conza +++ Buoni spesa e altre iniziative del Comune di Sant'Andrea di Conza +++ Importante direttiva dell'Arcivescovo (anche sulla celebrazione delle messe) +++ Pubblicato dalla Pro Loco Terra di Sant'Andrea e dall'Associazione "Lu faucione" il calendario del 2020 "La via dell'acqua". Si può acquistare presso la libreria "Tuttolibri" e presso l'edicola "Da Pino". +++ Inserita la nuova sezione di Archeologia con un importante articolo di A. Pugliese e S. Braito +++ Avete votato per chi vi è piaciuto ma ricordate che potreste pentirvi della vostra scelta! +++ Aggiunte altre bellissime foto riprese da Rossana +++ Inserita una nuova galleria di bellissime immagini, concesse dall'amico Gianfranco Vitolo: da non perdere +++ Anche quest'anno si è rinnovata la tradizione de li fuoche de Sand'Anduone. +++ Inserita nel "menu" anche una pagina di suggerimenti per la navigazione. +++ Vedi il Calendario Eventi. In continuo aggiornamento per tutte le manifestazioni previste. +++ La ragazza di Vizzini - Una storia a due cuori (Il nuovo libro di Emanuela Sica e Michele Vespasiano - Delta Tre Edizioni) +++ Cerchi casa in affitto a Sant'Andrea di Conza? Guarda queste! +++ Interessante incontro su "Urbanizzazione inclusiva: Il modello Monteverde", sabato 19 maggio 2018, ore 18,30 presso la Società Operaia di Sant'Andrea di Conza, +++ Importante evento per la comunità santandreana. Il 25 febbraio 2018 è stato presentato il LIBER IURIUM di Sant'Andrea di Conza nella sala dell'ex Fornace +++ La Pro Loco “Terra di Sant‘Andrea” ringrazia tutti per la partecipazione a RU FUOCHE DE SAND’ANDUONE (17 gen 2020 - Piazza Umberto I) +++ Panta rei. Tu dove vai? Alessio Antonello feat Luigi Bellino ... +++ Restituito alla proprietaria l'orecchino smarrito. +++ Occhio al riquadro degli ultimi inserimenti: non tutti sono in primo piano. +++ Eccezionale video del maestro Luigi Bellino su You Tube +++ ... nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche ... esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro ... [Zygmunt Bauman (L'Espresso, n. 45/2016)] +++ ... non odiare nulla eccetto l'odio ... (It's alright, Ma ...) * Robert Allen Zimmerman (Bob Dylan) +++ Inserita la pagina del pro Vicario Giorgio tra quelle dei santandreani ... da ricordare +++ Sono graditi commenti e segnalazioni +++ email: [email protected]

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Da "il Seminario" n. 3/2019

Una realtà dimenticata

Chiara Russoniello

Il nostro paese, come tutti i paesini del Meridione, si reggeva su un’economia agricola. La figura predominante era quindi il “contadino”. Occorre però fare una precisazione. Vi era il contadino “benestante”, colui che possedeva terre ed animali e che offriva lavoro ad altri; poi c’era il ...

Una volta ... in campagna

... contadino “non-possidente” che lavorava a giornate presso altri. La vita per entrambi era molto dura, ci si alzava molto presto al mattino (in genere verso le 4/5) per poi tornare tardi al paese.

Non esistevano feste o giorni di riposo, insomma la vita di tutta la famiglia girava intorno alla terra e agli animali per 365 giorni. Durante l’inverno, quando non si poteva andare nei campi, il contadino seduto di fronte al suo focolare, si occupava di aggiustare gli attrezzi da lavoro, costruire nuove scope per rassettare la casa, riparare il tetto di una stalla o di un pollaio, ripristinare una recinzione ecc., in modo tale che per la primavera fosse tutto pronto. Le donne, invece, si occupavano di rammendare gli abiti dei loro mariti o dei loro figli, lucidavano “la rame” che avevano in casa e andavano al lavatoio, dunque si occupavano delle faccende domestiche e dei figli.

Na murenne de sustanze

Con la primavera tutto ricominciava. Gli uomini andavano nei campi a seminare il mais che avrebbero venduto, il grano e altro foraggio, mentre le donne si occupavano di preparare l’orto piantando ogni tipo di ortaggio.

Nel periodo tra maggio e luglio ci si preparava per la “mietitura” e nella piazza di Sant’Andrea si radunavano moltissime persone, donne e uomini, per chiedere di poter lavorare. Il proprietario terriero sceglieva tra questi la manovalanza che gli serviva e pattuiva con loro l’orario e la paga, i contadini prescelti erano felici perché oltre alla paga avrebbero ricevuto il pranzo. Il giorno della mietitura era una gran festa per grandi e piccini. Ci si alzava molto presto e tutto il lavoro della falciatura veniva fatta a mano con “lu faucion” dagli uomini, le donne invece si occupavano del pranzo e in quest’occasione preparavano 4 pasti: la colazione alle 9 (pane e formaggio), il pranzo alle 13 (li cannazz), la merenda alle 16 (frittata e peperoni) e la cena con ogni ben di Dio; anche i bambini collaboravano portando continuamente acqua fresca per far bere i poveri lavoranti. La giornata terminava con il raduno di tutti seduti ad una grande tavolata, dove si discuteva del raccolto e s’intonavano stornelli paesani accompagnati dal buon vino.

Una sgroppata non guasta

Dopo la mietitura seguiva la “trebbiatura”, fase in cui si facevano staccare i chicchi dalla spiga; questa poteva essere fatta in 2 modi: per chi possedeva i buoi era più semplice perché bastava legare dietro agli animali un masso di pietra di tufo con delle scanalature e far continuamente girare i buoi sull’aia (area con terra battuta così da non far interrare i chicchi), altro sistema adottato da chi invece non possedeva animali era di stendere le spighe sull’aia, battendole con attrezzi in modo da staccare i chicchi. In entrambi i casi, le donne raccoglievano la paglia e la conservavano nei pagliai per poi farne cibo per gli animali, mentre i chicchi di grano venivano raccolti, stesi su teloni e lasciati ad asciugare per qualche giorno e portati nei granai. Terminata la trebbiatura si procedeva all’aratura, alla semina e alla vendemmia. I prodotti coltivati nel nostro paese erano principalmente: grano, mais, foraggio per il bestiame, ortaggi e legumi. La coltivazione dei campi seguiva un sistema di “rotazione”, ossia il campo non veniva seminato sempre con lo stesso cereale, ma si alternava in modo che il terreno potesse riposare e rigenerarsi di sali minerali.

In conclusione, posso dire di aver appreso che la vita del contadino era veramente molto faticosa, ma anche ricca di rapporti umani. Infatti, nel suo tempo libero, egli amava frequentare la “cantina” o la” piazza”, dove ci si incontrava e ci si raccontava. Diversamente da noi, ieri i contadini avevano più tempo per gli altri nonostante la fatica dei campi e a loro modo erano più felici e soddisfatti.

Chiara Russoniello


  Se ti interessa ...

  • far rivivere un vecchio computer;
  • costruire un sito Web;
  • creare un negozio virtuale sul Web;

... rivolgiti a noi!

Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999

 Contattaci

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Ok! Sono consapevole.

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del browser.